UZURI al Libraccio a Brescia.

 

Domenica 17 aprile alle ore 17 racconto UZURI al Libraccio in corso Magenta, 27 a Brescia.

Incontro Rosanna che mi dice: “ ho visto  una puntata di Focus dove si racconta l’intreccio tra Irlanda e Palestina, allora è vero?”

Se è vero non lo so,  la leggenda narra del profeta Geremia che dopo la deportazione degli ebrei in  Babilonia nel VI secolo a. C. raccoglie ciò che è rimasto dei simboli  e parte per un lungo viaggio.   

All'ombra di Dio.

Le dee affollano i tempi antichi, il loro viso adornato  da trecce  appare qua e là sulle dure pietre squadrate dei templi e in qualche ora del giorno con i giochi di luce e di ombra il viso femminile abbellisce  la facciata della grande moschea di Allah a La Mecca.

Centro studi Pegaso. Giappone nel chiostro. UZURI e Rosso ciliegio.

Un patrimonio di idee e conoscenze a disposizione di chi vuole, così è scritto sulla cartolina del centro studi Pegaso. Sono stata invitata da Sandro, un caro amico, che insieme ad altre persone ha dato vita a questo  progetto culturale,  per raccontare UZURI  e con lei la storia delle donne di duemila anni fa.

UZURI. L'origine della Storia bimillenaria e il patriarcato.

“…Uzuri significa bellezza. Uzuri è una bambina nata duemila anni fa in un mondo governato da rigidi codici patriarcali. Uzuri è speranza, viatico per il racconto corale di una trama al  femminile: il punto di vista di tre donne culturalmente lontane, capaci di comunicare al di là di norme e imposizioni.

Giappone nel chiostro. Uno, due e tre aprile.

 

Ancora non mi capacito di tutta la libertà di cui dispongo, il mio silenzio abitato dai colori, pennelli e acquarelli sono sempre a portata di mano e il mondo di fuori che mi aspetta ogni giorno con la ricchezza della sua varietà, il sole, la pioggia, la città, la campagna,  i giochi con Samuele, gli gnomi, dove vivono, cosa mangiano, si possono vedere?  Oh sì, certo,  con un po’ di pazienza e il giusto allenamento degli occhi…

UZURI e... non solo.

Eccomi! Ci sono ancora con molti nuovi  progetti  dentro un tempo così infinitamente prezioso  a disposizione dei miei desideri e una creatività sempre tanto vivace che non può incontrare ostacoli sul suo cammino.

Buon Natale. UZURI e... Rosantico.

Ogni anno si celebra la Natività con parole,  gesti  e riti esclusivamente  maschili ma l’evento appartiene intimamente  alle donne e Dio nella Sua infinita perfezione e saggezza non avrebbe mai potuto affidare agli uomini il racconto.  Nessun uomo è in grado di riferire l’emozione e la poesia di una nascita, può cogliere aspetti ma non sa nulla di ciò che accade quando una vita ne contiene un’altra.   

Chiusura del negozio Rosantico e... UZURI.

Sì, sì,  è proprio vero… il 31 dicembre chiudo il negozio e ogni giorno, più volte, mi sento ripetere da persone che mai hanno varcato la soglia: “ oh che peccato è così bello…”

Pagine

Abbonamento a www.rosantico.eu RSS