La zona d'ombra.

La zona d’ombra.

Sì è vero mi occupo spesso di religione ma per una semplice ragione che lei si occupa di me.

La nostra meravigliosa storia umana.

Interrotta, occultata, sepolta, disseminata a pezzi su tutto il pianeta come un puzzle da ricomporre ma con tanti elementi    sufficienti   per ricostruire un’identità unica e smentire tutti coloro che si sono adoperati nel corso dei millenni a distinguere, separare, contrastare, soffocare, eliminare  la singolarità della razza umana.

I nostri straordinari e meravigliosi tempi.

Viviamo un tempo straordinario, ogni giorno  si scoprono nuovi pianeti in sistemi solari lontani anni luce, alcuni di questi hanno caratteristiche simili alla Terra, Marte rivela i suoi segreti, la superficie porta tracce di fiumi, di laghi e di manufatti, spuntano piramidi e sfingi in quella regione  chiamata Cyndonia citata nei “miti” sumeri come luogo di confino del dio Alalu.

Un pò di storia antica...

 

Asclepio, dio della medicina,  delle guarigioni e dei serpenti  era venerato nei templi dell’antica Grecia. Nota è la sua capacità di fare miracoli e di riportare in vita i morti.

Obbedienza? No grazie.

 

Ci inquieta il significato della parola Islam: sottomissione ma non è da meno o diverso dal  termine obbedienza con cui noi occidentali abbiamo a che fare.  

Nulla accade per caso. Franciacorta in fiore 19 - 21 maggio.

E di nuovo per l’infinitesima volta  sono invitata a raccontare Rosso Ciliegio e a riprendere i fili della narrazione di un testo nato dal desiderio di chiudere un cerchio dando un seguito alla pagina triste della separazione.

Pagine

Abbonamento a www.rosantico.eu RSS