Buone vacanze!

E’ incredibile guardare negli occhi dei bambini e trovare l’immensa fiducia che loro pongono  nel mondo. Tutti l’abbiamo provata, poi  ad un certo punto  il gioco si è rotto  e la realtà si è infranta in tanti segmenti,  siamo stati  costretti   a separare la mente dal cuore. Le regole ferree dell’economia hanno scalzato la biologia e ciò che producono è un malessere diffuso.  

Il denaro sembra essere tutto ma le cose importanti della vita non si comprano e non si vendono, prima di tutto la vita. Come siamo arrivati fin qui è difficile dirlo e ora che tutto è giunto al capolinea abbiamo modo di ripensare l’intero sistema, anzi l’ecosistema, recuperando quel rapporto vitale  con madre Natura che culture religiose,  comuniste e liberiste hanno negato nello stesso identico modo.

Basta entrare in un bosco per comprendere come ogni essere trovi la sua giusta armonia,  osservare api e formiche e cogliere il loro  principio operoso di cooperazione così lontano dall’arrivismo e dalle regole folli in cui siamo immersi.

Ci vuole apertura di cuore ed è questo l’augurio che sento di fare.  

Annamaria Beretta

P.S.: io riprendo lo studio perché intendo continuare la storia di UZURI.