Il settantenne prete pedofilo. In carcere? Direi di sì.

Un uomo senza morale l’ha definito il magistrato che si è occupato di lui, ascoltandone le squallide ragioni. E sinceramente dopo questo ennesimo grave episodio di pedofilia, vittima una bimba di dieci anni,  mi pongo più di  una domanda, chi sono i preti? Ci si può rivolgere a loro per ottenere pareri e consigli sui tanti aspetti della vita umana?

Formati nella misoginia, si presentano al mondo come i veri esclusivi detentori della Morale e nientepopodimeno che i sostituti di dio in terra dentro un armadio. Narcisisti e carenti di  empatia.  Per fortuna molta gente ha iniziato a riflettere, togliendo loro quel potere assoluto che hanno avuto nel corso dei secoli.

Hanno costruito gabbie, gravato gli umani di pesanti fardelli inesistenti, della sessualità ne hanno fatto un campo di battaglia per poi a loro piacimento giocarci con perversione, abusato dei bambini, che è la cosa peggiore in assoluto. Non tutti i preti sono pedofili ma tutti condividono la cultura del sacrificio e della vittima innocente sacrificale.

  • Mi sentivo solo. – Ha confessato il monsignore nunzio apostolico a Washington scoperto dagli agenti  FBI  in Canada con ingenti file pedopornografici  e fatto rientrare in Italia in tutta fretta dalle gerarchie ecclesiastiche. Sanno benissimo che là non si scherza, le norme ci sono e non proteggono i preti ma i bambini.    

L’indagine governativa australiana durata cinque anni ha fatto emergere il dato aberrante, il sessantadue per cento delle strutture dove si è consumato un abuso è cattolico. Coinvolti preti, vescovi e cardinali. Direi che chi oggi tace o punta il dito altrove  è pure omertoso perché la situazione è fin troppo evidente e grave.  

Ho sentito finalmente la voce di un prete che denuncia, don Nando Ottaviani, che  in un 
video durissimo 
https://video.gelocal.it/iltirreno/locale/lo-sfogo-di-don-nando-
contro-il-prete-pedofilo-doveva-pentirsi-in-galera/106474/108063

non ci sta a questo schifo e chiede pulizia. Un gruppo di preti e laici cattolici di Brescia ha scritto alla associazione Rete L’Abuso,   chiedendosi per quale motivo è stato eletto Tremolada vescovo che è un insabbiatore, reato da codice penale. L’ONU risponderà e il governo italiano dovrà dire la sua.

Qualcosa si muove ma non basta! E lo Stato italiano continua a versare ogni anno sei miliardi e mezzo di euro alla chiesa cattolica.

Annamaria Beretta

P.S.: In agosto ci sono, il venerdì sempre. La mia terrazza è aperta a chi vuole venire. Il mio libro? Prossimo all’uscita.