La Natura e le sue forme.

 

Spesso gli oggetti hanno forme prese dalla natura, parlano la lingua della bellezza  e hanno significati simbolici che come codici antichi ci appartengono da sempre, nel loro mistero senza tempo e spazio.

 La pigna è uno di questi. Gli antichi Sumeri furono tra i primi ad immortalarla in mano alle loro divinità, nella cultura egizia è raffigurata su un bastone tenuto da  Osiride, anche Bacco e Dioniso impugnano lo stesso bastone.

Curiosamente il bastone sormontato dalla pigna è stato usato dai pontefici romani, e Buddha non è immune dalla rappresentazione con i capelli acconciati a forma di pigna.

Oggi la vediamo ovunque,  sulle colonne dei cancelli, sulle fontane, nelle statue,  un simbolo che  non tutti sanno identificare ma che Cartesio ha definito il luogo dove mente e corpo interagiscono. La pigna raffigura la nostra ghiandola pineale, si trova nell’unione delle due metà del cervello, posizione strategica e simbolica, per gli antichi luogo della consapevolezza e della connessione con il cosmo.

Per noi?

 porta candela in pietra

annamaria